Homelo chef consigliaQuesto profilo Instagram non è quello che pensate: la verità su Louise Delage (e il successo della campagna anti-alcol di Addict’Aide)

Questo profilo Instagram non è quello che pensate: la verità su Louise Delage (e il successo della campagna anti-alcol di Addict’Aide)

louise-delage

Una 25enne come tante (e tanti), di Parigi, carina, che adora farsi fotografare da sola o in compagnia di amici, in barca o al ristorante, in casa o in discoteca, in riva al mare o mentre passeggia per la strada.

Ecco il suo profilo Instagram: scorrete rapidamente il feed e ditemi se notate qualcosa di strano.

Ci avete fatto caso anche voi? Ovunque si trovi – non importa se sia giorno o notte, inverno o estate – il vero protagonista delle foto di Louise Delage è l’alcol: un mojito per la serata in disco, un vino rosso per la cena con gli amici, un prosecco per l’aperitivo al tramonto e una birra per la Pasquetta in campagna.

In 4 mesi il suo profilo ha conquistato 112mila follower (di cui ben 66mila durante il primo mese), complice l’utilizzo di decine di hashtag tematici e la “realtà” degli scatti.

Ebbene, il punto è proprio questo: Louise non esiste.

L’ultimo post, datato 22 settembre, è un video in cui si scopre che la fantomatica 25enne di Parigi era “solo” il soggetto di una campagna di marketing. Insomma, una trovata pubblicitaria, ma con un fine più che nobile e sensato. “Like my addiction” è infatti il titolo della campagna con cui la fondazione francese Addict’Aide ha inteso sensibilizzare i più giovani intorno al tema dell’abuso di alcolici, una tendenza che continua a mietere ogni anno un numero spropositato di vittime in tutto il mondo, e un vizio che spesso è difficile riconoscere nelle persone con cui si a che fare tutti i giorni. Online e offline.

“Abbiamo pensato che il modo più efficace per trasmettere questa difficoltà fosse creare – attraverso Instagram – una persona che vive, viaggia e si diverte come tutte le altre e che nessuno mai avrebbe sospettato essere dipendente dall’alcol, spiega Stéphane Xiberras, direttore creativo dell’agenzia BETC Paris che ha sviluppato la campagna.

Prima di ‘martellare’ gli utenti con 2-3 post al giorno nei momenti clou della giornata, l’agenzia ha studiato abitudini, hashtag, stile e soggetti delle fotografie che le blogger più popolari condividono sui propri profili Instagram. Della strategia social messa in atto dall’agenzia ha fatto parte anche il seguire gli account di giornalisti, celebrità, influencer, appassionati di moda e lifestyle con un bacino di utenti compreso tra i 20mila e i 100mila follower.

E possiamo dire che abbia funzionato:

  • il profilo instagram di Addict’ Aide oggi conta 112mila follower, a conferma dell’ampia portata della campagna;
  • il traffico sul sito dell’organizzazione si è quintuplicato;
  • subito dopo la pubblicazione del ‘video-verità’, la campagna è diventata Trending Topic su Twitter in Francia.

Ecco il video che ad oggi conta 960mila visualizzazioni su YouTube:

“Ci auguriamo che la campagna serva ad aprire gli occhi ad alcuni – conclude Xiberras – e che Addict’Aide o altre organizzazioni locali possano portare aiuto a chi lotta contro qualsiasi genere di dipendenza”.

Che ne pensate? Genialità o cattivo gusto?

Condividi
Condividi
Fai +1
http://www.risopatateweb.it/aziende-e-campagne/louise-delage-instagram-campagna-anti-alcol/
Follow by Email
No comments

leave a comment

Aggiungi un posto a tavola!

Scommettiamo che hai almeno un amico ghiotto di questo piatto?

Aggiungi un posto a tavola!

Scommettiamo che hai almeno un amico ghiotto di questo piatto?